PERDONATO DA ALLEGRI, COCCOLATO DA PARATICI, CORTEGGIATO DA SIMEONE

Quella di questa stagione non è solo la Juventus di Cristiano Ronaldo. Attorno al fuoriclasse portoghese vi sono anche altri campioni, da capire, coccolare e preservare. Ci stiamo riferendo in primis e soprattutto a Paulo Dybala. Probabilmente soffre la vicinanza di CR7 e per questo è più scontroso ed ha più difficoltà ad andare a …

Quella di questa stagione non è solo la Juventus di Cristiano Ronaldo. Attorno al fuoriclasse portoghese vi sono anche altri campioni, da capire, coccolare e preservare. Ci stiamo riferendo in primis e soprattutto a Paulo Dybala. Probabilmente soffre la vicinanza di CR7 e per questo è più scontroso ed ha più difficoltà ad andare a rete rispetto al passato, ma le sue doti restano e sono innegabili. Parliamo di un nazionale argentino, parliamo di un ragazzo che ha 25 anni ed ha ancora tante stagioni davanti a sé per confermare tutto quello che di buono pensa la gente su di lui.

Un talento e tre uomini che gli ruotano intorno. Allegri lo ha perdonato. La cavolata fatta dall’ex Palermo nella sera di Torino contro il Parma, ovvero l’abbandono prima della fine della partita del campo e il suo ritorno polemico negli spogliatoi, è stata messa già alle spalle e tutto si è chiuso con le sue scuse alla squadra e allo stesso tecnico. Intanto però il direttore sportivo Paratici se lo coccola e lo definisce come “l’acquisto che lo ha reso maggiormente orgoglioso” e ha anche fatto sapere che per lui resta alla Juventus. Per far sì che ciò si avveri non bisogna sottovalutare la corte che gli sta facendo da tempo Diego Simeone, che vorrebbe portarlo a tutti i costi a giocare all’Atletico Madrid. A far scattare la scintilla, galeotta fu la cena proprio a Madrid del marzo scorso. I due l’hanno sempre definita come “casuale”, ma di sicuro non è passata inosservata. Metterla sotto ad un tappeto, come se non ci fosse mai stata, potrebbe essere un errore imperdonabile per la Juve…a patto che si creda veramente e fino in fondo in lui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione. Nessun indirizzo e-mail verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*